A Torino un confronto con tutte le realtà che operano a sostegno delle persone disabili

Senza barriere…. anche i valori

La scorsa settimana si è svolta presso la Sala Conferenze della Galleria di Arte Moderna di Torino in via Magenta 31 la Conferenza regionale della Disabilità - Va/ori senza barriere, un momento di confronto con tutte le realtà che operano nei vari livelli a sostegno delle persone portatrici di disabilità. Bruno Geraci, caporedattore centrale del TG Piemonte, ha moderato un incontro ricco di significati per il lavoro in rete promosso dalla Regione Piemonte con diversi enti (in particolare INPS, ISTAT, Disability Italian Network) e di risultati concreti al termine dell’Anno Europeo della Disabilità.

 

Ad aprire l’incontro Enzo Ghigo che, in qualità di presidente della Conferenza delle Regioni e delle province autonome, ha voluto portare all’attenzione il contenuto del documento proposto alla Conferenza nel giugno scorso, nel quale si richiede al Governo l’approvazione di nuove modalità di accertamento della disabilità, tramite la velocizzazione delle procedure di accertamento dell’invalidità e delle relative provvidenze economiche, l’adozione di misure atte a consentire il massimo di autonomia ai disabili non autosufficienti, il ri-finanziamento della L.13189 per l’eliminazione delle harriere architettoniche e del progetto “Dopo di noi”.

L’assessore regionale alla Sanità Antonio D’Ambrosio, oltre ad evidenziare l’intervento in materia di disabilità svolto dall’Assessorato in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali, ha evidenziato l’avvio della sperimentazione del nuovo sistema di “Rilevazione delle certificazioni di disabilità” predisposto a livello nazionale dall’Istat ed illustrato nel dettaglio da Alessandro Solipaca.

 

La Regione Piemonte, tramite l’Osservatorio regionale della disabilità, è una delle prime regioni in Italia ad aderire alla sperimentazione pilota, che partirà nel prossimo novembre, volta alla realizzazione di un archivio informatizzato sulla realtà della disabilità in Italia.

Gli interventi realizzati dalla Regione Piemonte in favore della disabilità, riuniti nella pubblicazione voluta dall’Assessore alle Politiche Sociali Mariangela Cotto Valori senza barriere sono stati presentati anche da dirigenti degli alla Cultura, all’Edilizia e al Lavoro.

«Il presente - ha detto l’assessore Mariangela Cotto - è contenuto nel volume “Valori senza barriere” e nelle deliberazioni di criteri per il finanziamento degli interventi socio assistenziali. Il domani è già qui rappresentato, almeno in pane, dal Segretariato Rai, dall’Istat, dall’Inps e dalle associazioni che promuovono “La vita indipendente “. Vogliamo infatti dare al 2003 un significato profondo, considerarlo come annodi sviluppo delle attività già consolidate e come anno dal quale partono e si coagulano nuovi processi e progetti finalizzati a costruire il sistema “Piemonte per la disabilità”».

 

Durante la Conferenza Guido Fusaro del Din (Disability Italian Network), organismo che fa parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità, ha illustrato il nuovo sistema Icf di classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La sperimentazione del nuovo metodo di classificazione, approvato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, verrà attuata dalla Regione Piemonte attraverso corsi di formazione degli operatori di alcune Asl e Consorzi.

Lo scopo generale della classificazione Icf è quello di fornire un linguaggio standard e unificato, che permetta di codificare un’ampia gamma di informazioni relative alla salute (diagnosi, funzionamento e disabilità), che consenta una comunicazione in materia di salute e di assistenza sanitaria uguale in tutto il mondo, nell’ambito di varie scienze e discipline, superando l’accezione in negativo di alcuni termini correnti ormai superati. Nel proprio intervento Giuseppe Coppola, direttore della sede Inps di Torino, illustrando gli obiettivi raggiunti della fattiva collaborazione tra Inps e Regione, ha fornito anche un altro risultato importante: sono stati erogati tutti i 33.000 assegni di invalidità pendenti dal 2002, eliminando così su tutto il territorio regionale il problema dei pagamenti in arretrato. Al termine della conferenza è stato proiettato il Cartoon “Storie di Anna” realizzato dal Segretariato Sociale Rai e illustrato dal Direttore, Carlo Romeo.

 


Mission - Directory - Agenda - News - Links - Ermes - Mappa del sito - Home

Risoluzione consigliata 800 X 600 pixel

Browser: Internet Explorer 5.5+ , Netscape 6.0 +

Powered by STRA.COM


Csva, tutto quanto fa consulenza

Dieci anni insieme

Un sorriso non costa nulla ma arricchisce chi lo riceve

Due anni in Albania: ecco cos’è cambiato

La legge del ‘buon Samaritano’

Un testo per capire il ‘terzo settore’

Ai disabili, informazioni a domicilio

In 780.000 hanno donato alle Onlus

Il Tiretto, l’aiuto a chi è in disagio

Pubblicato un bando di concorso nazionale

Senza barriere…. anche i valori

Carta dei valori

Letture consigliate