Progetti dei clown dell’associazione Vip

Un sorriso non costa nulla ma arricchisce chi lo riceve

“Un sorriso non costa nulla: arricchisce chi lo riceve, senza impoverire chi lo dona”, così recita una poesia di Paul Faber e questo è diventato il nostro motto! Siamo una neonata associazione, partita con nove elementi che circa un anno fa da Alessandria e dintorni sono andati a seguire un primo corso di formazione per clownterapisti presso l’Associazione ViviamoinPositivo (Vip per essere più pratici) di Torino sotto l’attenta guida di Maria Luisa Mirabella, in arte Dott.ssa Aureola. Qui ci siamo “trasformati” in “volontari del sorriso” o più semplicemente clown di corsia. Dal corso siamo tornati con tanta voglia di fare, qualche nozione base di clowneria e con una missione speciale nel cuore, cioè quella di portare il sorriso ovunque, dalle persone che ci vivono accanto a chi ha più bisogno di un po’ di gioia. Così dal maggio 2002, “armati” di un camice variopinto, di un nuovo nome un po’ più buffo, di un naso rosso e di una valigia con gli attrezzi del mestiere, abbiamo iniziato la nostra “battaglia”, a base di risate, canzoni, gags, giochi di magia e palloncini colorati, per cercare di contagiare con la nostra gioia anche la nostra città, Alessandria, che all’inizio era un po’ restia e diffidente verso la clownterapia.

 

La nostra sfida. Lentamente stiamo vincendo questa piccola sfida: siamo partiti dall’Ospedale Infantile “Arrigo”, per poi approdare al civile “Santi. Antonio e Biagio”, al Mauriziano di Valenza, ad alcune case di riposo (come alla “Comunità Sollievo” di Acqui Terme), a centri di accoglienza per bambini e così via... E con il tempo abbiamo creato la sede alessandrina V.I.P Clown Marameo, in ricordo di una nostra compagna di viaggio che purtroppo è diventata un angelo dal naso rosso, e stiamo cercando di farci conoscere in provincia partecipando alle varie mani.

Cosa facciamo. Volete sapere cosa facciamo materialmente? Il sabato o la domenica pomeriggio ci trucchiamo, pettiniamo e vestiamo nel modo più stravagante che ci passa per la mente e ci rechiamo nella struttura dove faremo il nostro “servizio”. Badate bene che anche il tragitto va fatto in versione clown perché questo è un momento essenziale della nostra “Missione della Gioia”. Ritrovatasi la piccola equipe davanti all’ospedale e indossato ciascuno il proprio personale e coloratissimo camice, si parte verso i reparti che visiteremo quel giorno, dalla Pediatria, alla Medicina&Chirurgia, fino alla Psichiatria, e in ospedale ovunque passi un clown è sempre una festa! Ci introduciamo nelle varie stanze, ovviamente solo dopo aver chiesto “Permesso”, e trascorriamo un piccolo momento assieme agli ospiti... Già, purtroppo si tratta solo di un piccolo momento, perché le stanze sono tante e il tempo tiranno! Finito il “giro visite”, si torna ognuno al proprio mondo, ma il servizio lascia sempre in noi chiare tracce, sotto forma di sorrisi contagianti!

 

La grande famiglia. In questo modo, convivendo un’esperienza così straordinaria come quella del portare la gioia ove non c’è, siamo diventati ormai una grande famiglia, perché questa è l’atmosfera che si respira ai nostri incontri, con una trentina di componenti. persone “normali ‘con la propria vita, il lavoro, la famiglia, gli amici, che hanno deciso che la loro gioia di vivere era troppo grande per tenerla tutta per sé e che era giunto il momento di donarla a chi più ne ha bisogno, che sia questo un bambino o un adulto malato o un vigile imbronciato nel traffico dell’ora di punta! Ecco perché siamo volontari ed operiamo soltanto nel weekend e nel tempo libero, cercando di non farci scoraggiare da chi rifiuta un sorriso, sapendo bene che sono proprio queste persone ad averne più bisogno.

La terapia del sorriso. “Curare con il sorriso” non aiuta forse a guarire il corpo, ma sicuramente conforta lo spirito e dà una mano ad affrontare la vita con una marcia in più, soprattutto quando proprio la vita si ostina a girare nel verso sbagliato! Questo significa fare “clownterapia”, come la chiamò Patch Adams (conosciuto ai più per il film a lui ispirato), di cui seguiamo le orme e che abbiamo avuto la fortuna di incontrare proprio lo scorso mese durante una conferenza che ha tenuto all’Ospedale Molinette di Torino. Anche questa è stata un’esperienza che ci ha fatto crescere, emozionare e che ci ha dato una nuova grinta per continuare la nostra attività.

 

I progetti per il futuro sono tanti... la nostra associazione fa parte di una confederazione nazionale di gruppi di volontariato, Vip Italia, con sedi in tutta la penisola. Nel mese di gennaio partirà un corso di formazione per Volontari Clown in Missione, con lo scopo di preparare clown (tra i 18 e i 30 anni) da inviare la prossima estate in regioni del mondo dove la gioia è nascosta da anni, in particolare Torre del Greco e la periferia di Napoli, la Bolivia, la Birmania e la Romania. E’ questa una nuova sfida molto impegnativa, ma che siamo certi che ci donerà molto.

Un paio d’ore alla settimana non è nulla, ma vedere l’allegria, che mettiamo in tutti i nostri servizi, ritornarci almeno triplicata dalle persone che incontriamo, è una ricompensa che non ha prezzo! Contagiamo, allora, il mondo con la gioia ed il sorriso, perché, dopotutto, “un sorriso non costa nulla”!

Per ulteriori informazioni su cos’è la clownterapia, sulle nostre iniziative e sui nostri progetti, su come diventare un volontario clown, visitate il sito www.clownterapia.it!

 


Mission - Directory - Agenda - News - Links - Ermes - Mappa del sito - Home

Risoluzione consigliata 800 X 600 pixel

Browser: Internet Explorer 5.5+ , Netscape 6.0 +

Powered by STRA.COM


Csva, tutto quanto fa consulenza

Dieci anni insieme

Un sorriso non costa nulla ma arricchisce chi lo riceve

Due anni in Albania: ecco cos’è cambiato

La legge del ‘buon Samaritano’

Un testo per capire il ‘terzo settore’

Ai disabili, informazioni a domicilio

In 780.000 hanno donato alle Onlus

Il Tiretto, l’aiuto a chi è in disagio

Pubblicato un bando di concorso nazionale

Senza barriere…. anche i valori

Carta dei valori

Letture consigliate