Da Alessandria una petizione per la sicurezza sulle strade

È stata avviata nei giorni scorsi una ‘petizione popolare in materia di sicurezza stradale’, volta a sensibilizzare il Parlamento italiano affinché promuova leggi più severe che tutelino la libertà di chi viaggia e che puniscano chi infrange la norma.

L’iniziativa parte da Alessandria, perché di Alessandria erano Pier Paolo Cuniolo, Maura Donato, Nicoletta Valdata e Andrea Morando, morti a seguito di un incidente stradale, avvenuto per colpa di un tir russo che si posizionò contromano sull’A21. I due autisti risultarono ubriachi.

«C’è una sorta di impunità che svilisce il senso della vita umana. Ecco perché abbiamo deciso di intraprendere questa iniziativa: il nostro obiettivo, infatti, è quello di ridurre drasticamente il numero delle vittime della strada, che attualmente sono novemila l’anno».

È quanto ha Efrem Uovo, che lavorava con Cuniolo e che, con un gruppo di amici, ha deciso di lanciare la petizione in memoria dei quattro ragazzi. «Un evento luttuoso - ha spiegato Bovo - può generare un qualcosa di positivo e di pubblica utilità, in modo tale che episodi analoghi non si ripetano o che, comunque, abbiano un freno».

La petizione (scaricabile dal sito internet Inlessandria.it) si può firmare anche alle redazioni del Piccolo, in via Parnisetti 10, e di Telecity, in via Gramsci. Ma, in questi giorni, molti amici dei quattro ragazzi si stanno impegnando affinché la petizione (che chiede più controlli sulle strade e inasprimento delle pene per i colpevoli) trovi riscontro tra la popolazione. Non solo di Alessandria, ovviamente. La raccolta sta coinvolgendo anche l’Associazione italiana famiglie vittime della strada, che ha preso a cuore il problema e che domenica scorsa ha sollecitato le firme nel corso di una manifestazione di preghiera ad Assisi.

M.E.

 

 


Mission - Directory - Agenda - News - Links - Ermes - Mappa del sito - Home

Risoluzione consigliata 800 X 600 pixel

Browser: Internet Explorer 5.5+ , Netscape 6.0 +

Powered by STRA.COM


‘Aiutare è un dovere’

Pagella: ‘Tutti insieme per dare le risposte’

Etabeta, la solidarietà cresce nell’orto

Quelli del sorriso

Centro servizi che aiuta chi aiuta

La sfida del futuro: abbattere le barriere (architettoniche e no)

Da Alessandria una petizione per la sicurezza sulle strade

Un’opportunità e una sfida per tutti

Banco alimentare, per ‘condividere’

Ad Acqui c’è l’associazione ‘Aiutiamoci a vivere’