Il ruolo di un Centro destinato a aiutare le associazioni. Presto aperti nuovi sportelli. Parla Castellana

‘Diamo servizi a chi i servizi li offre’

Il Centro servizi per il volontariato della Provincia di Alessandria (Csva) è una realtà molto importante per la promozione e la valorizzazione dei volontariato.

E anche una realtà in decisa crescita, valido punto di riferimento per tutte quelle associazioni che qui cercano consulenza.

Della lodevole attività del centro abbiamo parlato con Silvestro Castellana. Molti lo conosceranno come attore e regista teatraìe. Ma altri hanno avuto anche modo di apprezzarlo come operatore.

Dunque, detto che il Centro servizi serve a valorizzare, formare e promuovere il volontariato, è d’obbligo saperne qualcosa in più. Qual è l’esatta funzione di un Centro come questo?

«Il Centro Servizi per il volontariato della Provincia di Alessandria sostiene e qualifica le attività di volontariato erogando ‘propri servizi alle associazioni di volontariato iscritte e non iscritte nei registri provinciali. Il Csva si propone di promuovere la cultura della solidarietà valorizzando le iniziative delle associazioni di volontariato; formare e qualificare i volontari e gli aspiranti tali; offrire consulenza e assistenza qualificata per le necessità delle associazioni».

E la legge stessa a definire il vostro ruolo.

«Sì, i compiti dei Centri di Servizio sono dettati dall’articolo 4 del Decreto ministeriale 241 del 1997 e dalle successive disposizioni: “I Centri di servizio hanno lo scopo di sostenere e qualificare l’attività di volontariato. A tal fine erogano le proprie prestazioni sotto forma di servizi a favore delle organizzazioni di volontariato..”. Le prestazioni sotto forma di servizi sono gli strumenti. Tali prestazioni debbono essere ero gate in base a regole e procedure dettagliate e precise»

Cosa significa promuovere il volontariato?

«Promuovere il volontariato significa innanzitutto agevolare la diffusione della cultura e dei principi a cui questo si ispira. A tal fine il Csva provvede a intraprendere azioni per favorire la conoscenza delle associazioni e delle loro iniziative presso i cittadini, orientare gli aspiranti volontari, organizzare campagne sociali, fornire supporto logistico nella comunicazione».

Quali sono le sfide che in questo periodo si trova ad affrontare il mondo del volontariato?

«Sicuramente le associazioni hanno bisogno di reperire fondi, di saper proporre progetti validi, di individuare e formare nuovi volontari, di affrontare le situazioni di crisi che si presentano nell’odierna società quali il problema dell’immigrazione, oltre che sapersi muovere per colmare i vuoti che si creeranno con il venir meno degli obiettori di coscienza,

Conosciute le problematiche, occorre capire con quali strumenti il Csva cercherà di intervenire in favore del volontariato...

«Il Centro intende, innanzitutto, sostenere le attività quotidiane delle associazioni attraverso la consulenza (fiscale, giuridica, informatica, grafica eccetera) affinché i volontari non debbano spendere energie “in burocrazia” a discapito delle attività istituzionali delle proprie associazioni. Inoltre è nostra intenzione proporre un insieme di servizi qualificati».

Parliamone.

«Cominciamo dalla Consulenza alla progettazione. Infatti lavorare per progetti è ormai esigenza primaria per poter accedere alle agevolazioni previste dai bandi di gara pubblici: il Csva offre un servizio costante di assistenza e consulenza per l’ideazione, l’attivazione, la stesura, l’implementazione e la valutazione del progetto. E poi c ‘è la consulenza per l’ottimizzazione delle risorse umane che prevede un servizio costante di supervisione del lavoro d’equipe per la valorizzazione delle risorse del gruppo e dei singoli».

Trattate anche di consulenza alla comunicazione sociale.

«Sì, per rendere più efficace le politiche di comunicazione. Inoltre verranno attivati dei servizi di sportello, come lo sportello “Nuovi Volontari “, lo sportello “Servizio Civile Nazionale” per garantire l’orientamento specificamente rivolto a giovani tra i 18 e i 26 anni e assistenza alla progettazione per le associazioni, lo sportello per l’immigrazione, che vuole essere un punto di riferimento per le associazioni che affrontano le tematiche inerenti l’immigrazione».

 


Mission - Directory - Agenda - News - Links - Ermes - Mappa del sito - Home

Risoluzione consigliata 800 X 600 pixel

Browser: Internet Explorer 5.5+ , Netscape 6.0 +

Powered by STRA.COM


Fiori e volontariato, giusto binomio

‘Sogno laici e religiosi uniti, tutti insieme, per il sociale’

I ragazzi impegnati in un bel progetto

Rio de Janeiro, troppi bambini come Paolinho

‘Diamo servizi a chi i servizi li offre’

Il Rotaract contro lo spreco e la fame

Aido, una presenza significativa e una storia fatta di progressi

Aism un’attività intensa e utile

Le ‘Tante tinte’ per un’integrazione

Buxter, appuntamento a Valdapozzo

Un centro per i disabili