Colletta alimentare, un successo grazie a molte persone generose

Grazie, grazie mille a tutte le persone che hanno contribuito, lo scorso 30 novembre, alla giornata nazionale della colletta alimentare, sono state raccolte in un solo giorno 5.000 tonnellate di cibo.

La Colletta alimentare, giornata organizzata dalla Fondazione Banco Alimentare, per raccogliere generi alimentari, poi da ridistribuire ad altre Associazioni di volontariato impegnate sul frante delle povertà e dell’emarginazione, ha avuto un incremento, rispetto all’anno precedente di circa il 12%, un segnale importante di altruismo e responsabilità.

In provincia di Alessandria sono state raccolte 71,5 tonnellate, con un incremento del 5%, grande disponibilità è stata dimostrata dai supermercati e ipermercati, ben 58 punti raccolta e nei piccoli centri 15 negozi hanno aperto le loro porte ai volontari del Banco Alimentare.

«La Colletta alimentare è diventata un gesto familiare per il nostro popolo, a cui quest’anno molte più persone hanno aderito con maggiore attenzione e disponibilità. Oltre all’incremento in termini quantitativi, infatti, c’è stato un miglioramento della qualità degli alimenti raccolti, la maggior parte dei quali consigliati dal Banco: omogeneizzati ed alimenti per l’infanzia, tonno, olio, pelati e legumi in scatola. Tra mille difficoltà e prove, riaffiora tra la gente una capacità di condividere che è segno di grande speranza per tutti». Con queste parole di don Mauro Inzoli, presidente del Banco alimentare ha commentato la lodevole iniziativa.

Mariacristina Massocco

 


Mission - Directory - Agenda - News - Links - Ermes - Mappa del sito - Home

Risoluzione consigliata 800 X 600 pixel

Browser: Internet Explorer 5.5+ , Netscape 6.0 +

Powered by STRA.COM


‘Down, non emarginati’

Musica, danza, cucina tra le attività proposte

L’impegno per sconfiggere la polio

Colletta alimentare, un successo grazie a molte persone generose

Sabato 21 la grande festa al Parvum

Domenica 15 insieme per anticipare il Natale

Aido e don Gnocchi, il primo donatore

Le barriere culturali? Abbattiamole

‘Bisogna andare alle cause dei disagi’

Un progetto per la pace

Cri sempre in prima linea

Foco: ‘Vi racconto la mia Albania’